I protagonisti del giallo: Nico Giraldi

Ciao amici!

Oggi, nella serie dei “Protagonisti del giallo“, parlerò di uno dei poliziotti più amati dal pubblico: il maresciallo Giraldi, protagonista di una fortunata serie di film degli anni ’70-80. Questo personaggio è dotato di molte caratteristiche che lo rendono unico in tutto il panorama cinematografico e non potevo non dedicargli un articolo!

Tomas Milian, by Wo-Lf. Su DeviantArt

“Senti, senza er permesso der Maggistrato, senza er permesso der Procuratore, senza er permesso dell’anima de lì mortacci loro, posso anna’ a piscia’?”

Nico Giraldi in “Assassinio sul Tevere”

Il cinema giallo degli anni ’70 e ’80 è stato quello dei superpoliziotti statunitensi, interpretati da divi del cinema tali Clint Eastwood o anche da alcuni attori non americani come Jean-Paul Belmondo. L’Italia, uno dei paesi più importanti al livello della produzione cinematografica, non poteva rimanere indietro e gli sceneggiatori hanno creato un personaggio che incarna il suo spirito e che saprà rimanere nel cuore del pubblico: il maresciallo Giraldi, interpretato da Tomas Milian (che recitava in vari spaghetti western di qualità altalenante) e doppiato da Ferruccio Amendola. Giraldi è una maschera moderna che illustra il genere “poliziottesco” di quegli anni. Attenti! il maresciallo Giraldi non deve essere confuso con “Er Monnezza“, un ladruncolo di un altro film, sempre con Milian.

Nico Giraldi, angelo caduto o demone redento?

Il personaggio è nato nel 1943, figlio di una prostituta e di padre malvivente, Nico perde presto il padre e cresce in un orfanatrofio, ma frequenta anche gli ambienti più pericolosi di Roma e il giovane Nico finisce in un giro della malavita locale e inizia così una carriera criminale dove gli viene dato il soprannome di “Nico er Pirata”. Purtroppo, uno dei colpi di Nico va male e finisce in carcere. Questo periodo di detenzione lo fa riflettere e, una volta scontata la pena, decide di entrare nella polizia ed iniziare così una nuova vita.

La carriera di Girladi è folgorante: La sua conoscenza del mondo del crimine, la sua capacità a guadagnarsi la fiducia dei personaggi loschi della capitale e i suoi “talenti” imparati durante il periodo buio della sua gioventù permettono a Nico di risolvere vari casi e di compiere molte missioni d’infiltrazione.

Nico Giraldi non è per niente un poliziotto normale: i suoi metodi sono al limite della legalità (benché il limite è spesso superato, soprattutto nelle situazioni più pericolose ), fa spesso a botte per ottenere quello che vuole sapere o per fermare uno scippatore che ha appena rubato una borsa a una donna e il fine giustifica sempre i mezzi. Ma contrariamente al famoso Harry Callaghan, Giraldi non è un freddo calcolatore sempre pronto a far sparare, anche in un centro abitato, no: il maresciallo è uno che si avvicina alla “preda” parlando in romanesco strettissimo, fa qualche battuta (spesso sconcia) e poi pone la domanda scottante. Quello che succede dopo dipenderà della risposta che darà l’interlocutore di Giraldi: pianto, rivelazioni oppure insulti seguito da un tentativo di fuga nelle stradine capitoline per scappare al maresciallo (che finirà spesso per beccare il fuggiasco). Le risse capitano spesso, ma raramente migliorano la situazione del malvivente. Giraldi si caratterizza anche con il suo modo di parlare: in dialetto romanesco stretto (grazie al doppiaggio di Ferruccio Amendola) punteggiato di parolacce, giochi di parole, battute grasse e minacce velate. Ma il linguaggio e i metodi bruschi non sono le uniche caratteristiche del personaggio: in tutta la storia dei poliziotti e investigatori del mondo multimedia del giallo, nessuno batte Giraldi per quanto riguarda l’outfit: il maresciallo indossa spesso una tuta da meccanico, un berretto nepalese di lana oppure una bandana come un Hell’s Angel. Questo modo di vestirsi gli permette sicuramente di non attirare l’attenzione quando va nei peggiori posti della città, chi potrebbe dire che uno che si veste così è un poliziotto in missione?

Il rapporto di Nico Giraldi con gli altri poliziotti è molto variabile: non tutti capiscono i suoi metodi d’investigazione fuori dagli schemi e lontani da quello che si insegna nelle accademie di polizia. Anche se Giraldi può avere la simpatia dei suoi colleghi o dei poliziotti di grado inferiore, i superiori gerarchici hanno dei rapporti molto testi con lui e questo gli vale molti problemi.

Quindi, Nico è un personaggio che va al di là del paradigma dei “buoni” e dei “cattivi”: conosce due mondi (quello del crimine e quello delle istituzioni) e ne fa la perfetta sintesi per andare avanti nel suo processo di redenzione sociale. Un po’ guardia, un po’ ladro, ma amico vero e combatte per quello che è giusto, anche al costo di mandare un superiore a quel paese.

Il piccolo pazzo mondo del maresciallo

Nico è spesso a contatto con vari personaggi e ha anche una famiglia: sua moglie si chiama Angelina e dalla loro unione è nato il piccolo Rocky, che avrà una sorellina nel penultimo film della serie. Purtroppo, il maresciallo è molto sensibile al fascino femminile e questo gli creerà molti problemi, quasi fino a far scoppiare il suo matrimonio.

Ma il personaggio più rappresentativo del mondo di Giraldi è Venticello (detto “Venticè”), interpretato dal compianto Bombolo. Venticello è un piccolo criminale sfortunato e impenitente, spesso vigliacco, che finisce sempre per essere immischiato al suo malgrado nelle inchieste del Maresciallo e gli funge spesso da informatore o da spalla… ma il povero uomo prende sempre almeno una decina di sberle da Giraldi quando lo vede o quando ha (ancora) fatto una delle sue.

Bombolo (Franco Lechner), immagine di Wikipedia

L’umorismo è molto presente nei film con il maresciallo Giraldi: ironia, cinismo e umorismo nero tipico del genere poliziottesco. Ma ci sono spesso delle situazioni assurde, addirittura surrealiste e dei personaggi estremi che avrebbero il loro posto in un fumetto pulp o un comic book. L’esempio migliore è il mongolo in “Delitto al ristorante cinese“. Da notare la forte identità romana di quasi tutti i personaggi e l’assenza totale del politically correct (il che non fa male) Naturalmente, non mancano i cattivi senza scrupoli, le femmes fatales, i killer spietati e i luridi doppiogiochisti. Tutti gli ingredienti necessari per delle storie noir contemporanee.

I film con Nico Giraldi

Il Maresciallo Giraldi è il protagonista di 11 film tra il 1976 e il 1984: si potrebbe parlare di un vero “Giarldiverse“, perché il personaggio e quelli che lo circondano crescono, si evolvono e il paradigma delle loro relazioni si modifica. Questi film sono regolarmente proposti su RAI Cinema e Cine 34, ma credo che si possano trovare anche su Amazon Prime Video o altra piattaforma del genere. Ecco i titoli in ordine cronologico:

  • Squadra antiscippo
  • Squadra antifurto
  • Squadra antitruffa
  • Squadra antimafia
  • Squadra antigangsters
  • Assassinio sul Tevere
  • Delitto a Porta Romana
  • Delitto al ristorante cinese
  • Delitto sull’autostrada
  • Delitto in formula uno
  • Delitto al Blue Gay

Vi ricordate che ho scritto che “Er Monezza” è spesso confuso con Nico Giraldi? Beh, questa confusione è una delle numerose pecche del film “Il ritorno del Monnezza” (del 2005 di Carlo Vanzina): in questo film, Claudio Amendola (figlio di Ferruccio) interpreta un Rocky Giraldi adulto, poliziotto anche lui, che deve risolvere un caso. Non capisco come è possibile avere commesso un tale errore. Questo film non è piaciuto a Milian.

Ecco, così avete (ri)scoperto il maresciallo Nico Giraldi, uno dei personaggi più importanti del panorama cinematografico italiano e vera e propria maschera del giallo all’italiana. Ahimè, anche se oggi ci sono dei “duri” nei film e le serie del genere giallo, nessuno ha un’identità così forte quanto il maresciallo.

Grazie per aver letto questo articolo, a presto!

Un pensiero riguardo “I protagonisti del giallo: Nico Giraldi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...