Recensione: “Persephone X” di Antonio Costantini

Ciao amici!

Oggi torno a parlare di librogames con la recensione di “Persephone X“, di Antonio Costantini. In questo libro, si impersona un veterano dell’esercito del nostro sistema solare che dovrà tornare in azione per ricacciare gli alieni a casa loro! Se siete amanti dei film d’azione, non sarete delusi!

Fonte: Edizioni Aristea

La fantascienza è uno dei generi più difficili da trattare: c’è chi vuole delle battaglie di navicelle nel vuoto intersiderale, dei robot di ogni forma e tipo, delle AI che hanno tutte un volto e un nome femminile e degli alieni a volte belli, a volte usciti da un incubo di Bloch. Ma c’è chi sostiene che “la fantascienza non è il fantasy” e ogni elemento inventato sarà soppresso per lasciare spazio alla scienza pura o , almeno, si preferirà focalizzare sull’aspetto tecnologico dell’opera. Di conseguenza, possiamo scindere la fantascienza in due sottogeneri molto diversi fra loro: lo space-opera (Star Wars, Star Trek, Flash Gordon, Dune) e l’hard science-fiction (The Martian, 2001: Odissea nello Spazio). Credo che sia molto difficile per un autore di creare un’opera di fantascienza senza trovarsi nel fuoco incrociato dei sostenitori delle due parti.

In passato, Aristea aveva già giocato la carta della fantascienza con “Vesta Shutdown” di Gabriele Simionato, un librogame di hard science-fiction e “Hong Kong Hustle” di Andrea Tupac Mollica: un’avventura cyberpunk (che sarebbe un altro sottogenere della FS). Di solito, i librogame di quel genere sono molto rari perché gli autori preferiscono le strade meno pericolose della galassia del fantasy. Di nuovo, la casa editrice piemontese ci propone un viaggio nelle stelle con “Persephone X” di Antonio Costantini: non solo uno space opera dal tema semplice ed efficace, ma anche un ritorno nel glorioso cinema d’azione degli anni ’80-’90 con tanto di battute assassine, di exploits mozzafiato, di politicamente non corretto, di battaglie e di esplosioni e quando ci sono le illustrazioni di Katerina Ladon e un protagonista con le sembianze di Dwayne “The Rock” Johnson, beh credo che abbiamo una piccola bomba fra le mani!

Fonte: Wrestling News World

La trama

In un lontano futuro, la razza umana è riuscita a conquistare l’intero sistema solare. Purtroppo, giunse il momento nel quale Giove, Saturno, Urano e Nettuno vollero l’indipendenza e si legarono contro la Terra, Marte, Venere e Mercurio. Così scoppiò la prima guerra solare e scisse tutto il sistema solare in due fazioni e la cintura d’ asteroidi, ricchissima di minerali, era la frontiera naturale fra lo spazio delle due coalizioni.

Ahimè, la stessa cintura d’ asteroidi fu la mela della discordia: molti disaccordi sullo sfruttamento dei giacimenti fece scoppiare la Seconda Guerra Solare che giunse ala fine 63 anni con la caduta di Titano (un satellite di Giove), che sancì il Nuovo Ordine Solare (NOS). Il protagonista, William “Duke” Hunter è uno degli eroi di questa guerra.

Il NOS controlla il sistema solare con vari organismi, ma non ha più un vero esercito: al massimo c’è una forza di polizia per assicurare la sicurezza e gestire i problemi interni al sistema solare. Dopotutto, non ci sono forme di vita fuori dei confini del sistema solare, vero? Beh, i vertici del NOS non hanno fatto i conti senza gli invasori venuti della Nube di Oort , ai confini del sistema e che si abbattono sui territori del NOS come delle cavallette su un campo di grano. Come si farà per fronteggiare questa minaccia? Semplicemente cercando i vecchi eroi dell’ultima guerra, a cominciare da William “Duke” Hunter che avrà bisogno di ricostruire la sua vecchia banda per compiere questa importantissima missione, ma a modo suo, naturalmente!

Aspetto letterario:

La lettura di “Persephone X” è stata molto gradevole e divertente perché l’autore ha saputo creare un’ambientazione originale e una storia avvincente e ricca di colpi di scena: non ci si annoia un minuto e ogni personaggio è caratterizzato molto bene senza cadere negli stereotipi.

Il tono è quello di un action-movie tipico degli anni ’80-’90, senza però esserne una copia. Inoltre, il fatto di essere un’opera di fantascienza apre nuove strade alla narrazione e alla trama in generale: quindi, niente scelte facilissime e ovvie come in un film di Michael Bay!

Come nei migliori film d’azione, c’è molto spazio per l’umorismo e le battute: il protagonista è molto ironico, a volte cinico e non perde un’occasione di fare quello che gli pare anche ai danni dei membri della sua squadra!

L’aspetto fantascientifico è molto meno elaborato che in “Vesta shutdown”, ma funziona lo stesso perché si capisce già dalle prime righe che non si tratta di un’opera di hard science-fiction, ma bensì di uno space-opera. Quindi, aspettatevi a dover combattere l’invasore alieno con fucili o armi da guerra che non esistono, di pilotare un’astronave e di visitare di luoghi ancora non raggiunti dai nostri odierni rover.

Quindi, Antonio Costantini ha scritto un libro dalla trama semplice, ma interessante con uno stile dinamico e molto piacevole, con una punta di nostalgia per certi film che hanno segnato l’adolescenza di molti di noi nati prima del 2000 e forse con qualche strizzatina d’occhio a degli anime degli anni ’70 e ’80.

Aspetto ludico

Perspehone X” ha un sistema di gioco abbastanza semplice, che può essere capito e utilizzato da tutti: dai veterani del librogame fino al neofita. In pratica, la costruzione del personaggio si basa su una distribuzione di punti tra abilità-chiave che rappresentano quello che il protagonista è in grado di fare meglio. Tutto quello che riguarda i combattimenti e azioni varie sono delle Prove che si possono superare con un lancio di due dadi a sei facce, con l’aggiunto di qualche punteggio per ottenere un punteggio totale che determinerà il successo o il fallimento della prova. Naturalmente, si potranno trovare degli equipaggiamenti o delle armi che aumentano le chances di superare alcune Prove. Quindi, niente di complicato: serve prendere due appunti sulla scheda di personaggio, saper fare un’addizione e il gioco è fatto.

Molto bella l’idea delle battaglie con le navicelle spaziali: il lettore-giocatore può scegliere come gestire l’equipaggio di un’astronave (posto di comando, di tiro ecc…) e utilizzare la scheda della navicella spaziale durante questo tipo di combattimenti! Chi di noi, nerd, non ha mai sognato di guidare gli X-Wing ribelli contro i TIE-Fighters imperiali? Oppure di manovrare i cannoni dell’Arcadia sotto gli ordini di Capitan Harlock? Su questo punto, Antonio Costantini ha regalato un’ottima esperienza a chi ama le battaglie epiche nel vuoto siderale.

Ma se Duke muore, si deve ricominciare daccapo? No, il lettore-giocatore dovrà annerire uno dei teschietti sulla bella scheda di missione e continuare… ma attenti perché alla fine del libro, c’è un punteggio finale con una classifica! Sì, come gli high scores dei giochi arcade! Meno muori, meno perdi punti e migliore sarà il tuo posto in classifica, carino vero?

Come in ogni librogame di questa Silver Age, non mancano i codici da annotare e gli enigmi che sbloccano dei paragrafi nascosti: questo aumenta ancora l’interesse e la durata di vita di un libro che ha già tanti pregi.

Conclusione

Persephone X” è stato una sorpresa nel panorama dei librogame attuali: niente escape-room, nessun riferimento all’opera di H.P Lovecraft e nessun personaggio letterario dell’epoca vittoriana, ma uno space-opera con tutti i crismi, con tanto di riferimento al cinema di genere e alla cultura popolare.

Questo librogame brilla per la sua semplicità, accessibile a tutti, la sua irresistibile prosa, un sistema di gioco semplice, una lunga durata di vita e una bella trama. Tutti questi elementi ne fanno il prodotto ideale per chi vuole rompere con la tradizione e scoprire nuove strade a livello narrativo che ludico: l’autore ha fatto delle scelte audaci e mai viste prima che, lo spero, potranno ispirare altri scrittori di libri-gioco.

Quindi, per me è un sì: “Persephone X” ha mille ragioni per meritare di essere letto e giocato e sarei pronto a scommettere che diventerà ben presto un classico del genere!

VERDETTO

SCHEDA TECNICA

Titolo: Persephone X

Genere: Librogame, fantascienza

Casa editrice: Edizioni Aristea

Collana: Nuovi mondi

Formato: Cartaceo

ISBN: 978-88-32259-07-0

Link acquisto: Store della casa editrice, Amazon

3 pensieri riguardo “Recensione: “Persephone X” di Antonio Costantini

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...