Sentai: i supereroi giapponesi

Konitchiwa amici!

L’avevo promesso da tempo: oggi parlerò dei supereroi giapponesi, i famosi super sentai! Forse alcuni di voi conoscono i Power Rangers, ma esistono altre serie di questo genere e questi colorati combattenti hanno lasciato un’impronta molto profonda nella cultura di massa, e non solo nei manga e negli anime. Siete pronti, allora fate un balletto per trasformarvi e buttiamoci nella mischia!

Hikari Sentai Maskman, by KevinTUT, su DeviantArt
Continua a leggere “Sentai: i supereroi giapponesi”

Halloween Growl: Supereroi spooky

Ciao amici!

Oggi, si torna a growlare di supereroi! Eh sì, anche se non sono ancora molto rappresentati nei film e serie TV basati sugli universi Marvel e DC Comics, ci sono vari supereroi dalle origini e/o dai superpoteri molto strani, di solito associati alle forze del Male. Quindi, oggi vi do una mia piccola selezione di supereroi spooky… ideali per cosplayer di Halloween!

I supereroi non sono tutti gentili nerd morsi da ragni radioattivi, patrioti sui quali è stato sperimentato un siero oppure membri di una famiglia di scienziati. No, alcuni hanno origini strane o dei poteri di solito associati ai villain. Sottolineo che questi personaggi sono supereroi: personaggi chiaramente dedicati al Bene e alla Giustizia. Quindi, non ci troverete Blade (che combatte la propria guerra), Spawn (che non è un eroe) o altri personaggi del genere. Forse più tardi, chissà.

Corvina (DC Comics)

Fonte: Wikipedia

Conosciuta come Raven, la sua storia è triste e molto complicata. Sua madre (Angela Roth) entrò in una setta dedicata al demone Trigon e gli alti prelati di questo pericoloso gruppo la scelsero per consacrarla al loro demone tramite un rito mistico. Una volta il rituale compiuto, Angela rimase incinta della figlia di Trigon, destinata a essere il canale del suo ritorno nel mondo materiale e fugge. Angela si nascose in un altro posto e, con il passare degli anni, istruisce sua figlia Raven dei malefici piani del diabolico padre. Raven fugge e chiede aiuto alla JLA, ma non è accettata, per via della sua natura demoniaca. Però, sarà aiutata da alcuni giovani eroi che diventeranno i Teen Titans.

La lotta fra Raven e Trigon era ineluttabile e la ragazza morì, per poi rinascere. La rivalità fra i le varie formazioni di Teen Titans e di adoratori di Trigon è molto forte. Le vicende della lotta fra Raven e Trigon sono molto tristi: ci sono delle battaglie epiche, ma anche grandi cambiamenti tragici e questo conferisce un tocco molto dark, ma anche brutale alla serie dei TT.

Raven è un personaggio positivo, nonostante la sua natura e ha dei poteri magici molto forti che sembrano quelli di Dottor Strange e di Jean Grey messi insieme, una bomba, quindi. Nell’attuale serie “Teen Titans Go!” è ironica, cinica e molto lontano da quello che dovrebbe essere.

Fumikage Tokoyami (My Hero Academia)

Fonte: japanworld.it

Forse scriverò un grande articolo dedicato a “My Hero Academia“, il mio anime preferito da questi ultimi anni. Per farla breve, in una Terra del futuro (che somiglia molto al nostro presente) sempre più gente è dotata di vari superpoteri chiamati “quirk“. Di conseguenza, tutta la società ha dovuto reinventarsi dopo un periodo di caos nel quale non c’era nessun tipo di controllo di gente con superpoteri. Nei giorni dell’anime e del manga, uno può utilizzare liberamente il suo quirk se diventa ufficialmente un hero: ossia un supereroe ufficiale, con tanto di anni di formazione. Quindi, la serie è un po’ un mix di Harry Potter e di X-Men.

Beh, i quirk sono tantissimi e alcuni sono un p’o stupidi (il potere di fare sempre bene le cose, utilissimo per chi assembla mobili in kit, per esempio) e altri sono spettacolari (come correre più velocemente di un frecciarossa o trasformare il proprio sudore in nitroglicerina). Ma quello che mi ha colpito di più è quello di Fumikage Tokoyami e il suo quirk Dark Shadow!

Fumikage Tokoyami ha un corpo umano, con una testa di uccello (che non ho ancora identificato, probabilmente un rapace marino giapponese, ma non è un corvo) ma questo non è la sua unica particolarità. Il suo quirk è un’ombra viva che ha la sua stessa testa, che può interagire con il mondo esterno (colpire, prendere degli oggetti…), pensare, parlare (e anche dire qualche battuta) ed è sensibile al dolore. In combattimento, Fumikage utilizza Dark Shadow come Eddy Brock lo farebbe con Venom, ma deve stare attento perché la creatura è fotofobica e impazzisce con l’oscurità: si ribella e il povero Fumikage deve sudare sette camice per conservarne il controllo.

Ahimè, nonostante sia un personaggio con un alto potenziale, Fumikage non fa parte delle trami principali di “My Hero Academia“, ma le poche volte nelle quali compare dimostra di essere un hero di alto livello e di avere una personalità complessa.

Ghost Rider (Marvel comics)

Fonte: Wikipedia

Prima di essere l’eroe di due film con Nicolas Cage, che hanno quasi annientato il personaggio e il suo piccolo mondo, il Ghost Rider era una serie a fumetti pubblicata dalla Marvel nel 1972.

In questa serie, Johnny Blaze è il figlio di uno famoso stuntman, ma perde i suoi genitori quando era ancora piccolo: suo padre muore (on ho trovato in quali circostanze) e sua madre perde la vita per via di un grave incidente di moto. Johnny è adottato da un tale Crash, migliore amico del padre e insieme, lavorano come stuntmen a moto, nonostante il trauma del giovane ragazzo. Ahimè, si viene a sapere che Crash è gravemente malato e deve ritirarsi. Johnny, pieno di buone intenzioni, vuole aiutare suo padre adottivo e trova il modo di entrare in contatto con il demone Mefisto (molto conosciuto dai personaggi Marvel) e quest’ultimo gli propone un patto: se il ragazzo gli vende l’anima, Crash non morirà per via della malattia.

Durante uno spettacolo, Crash esegue un’azione molto pericolosa e muore sul colpo. Sarà presto sostituito da Johnny, che riesce a fare la stessa cosa, ma sopravvive. Il ragazzo accusa Mefisto di averlo fregato e il demone tenta di rubare la sua anima, sarà la madre adottiva di Johnny ad impedirglielo e così, Mefisto si vendica facendo possedere Johnny dall’ essenza di una potente entità astrale chiamata Zarathos, uno Spirito della Vendetta.

Così, il maledetto Johnny diventa una creatura dall’aspetto scheletrico con il teschio infuocato quando cale il sole e compie la vendetta degli spiriti sul mondo. Ghost Rider ha una moto infernale meglio di ogni altra moto del mondo, controlla l’elemento fuoco (quello infernale!), ha una forza e una robustezza sovrumana, può far fare penitenza dei peccati a chi incrocia suo sguardo e viaggiare fra i regni ultraterreni.

Anche se è parecchio violento e dall’origine demoniaca, Ghost Rider è un supereroe e ha fatto squadra con molti altri eroi della Marvel: non è stato Avenger, ma ha fatto parte dei Champions con la Vedova Nera, Iceberg e Angel.

A presto!

Ecco, per oggi è tutto. Spero che vi sia piaciuto e che vorreste approfondire per scoprire meglio questi supereroi e, perché no, l’universo di Kohei Horikoshi.

A domani e, non dimenticatevi: Stay Foolish and GROOOOWL!